Gli umani hanno sempre sviluppato nuove tecnologie per la comunicazione, tornando alla stampa e persino all'atto stesso di scrivere. Ma gli ultimi 120 anni circa hanno visto progressi tecnologici particolarmente rapidi nella comunicazione, dai primi telefoni a Internet moderno.

Restare connessi = rimanere aggiornati

Progressi tecnologici nella comunicazione

Notevoli progressi tecnologici nella comunicazione dalla fine del 1800 includono il telefono e le tecnologie correlate come la segreteria telefonica e il fax, Internet e il telefono cellulare. La comunicazione di massa ha portato anche cambiamenti rivoluzionari, tra cui film, trasmissioni radiofoniche e televisive e enormi progressi nella stampa e nella fotografia.

Il telefono fisso

Mentre l'invenzione del telegrafo cablato ha permesso alle persone di comunicare rapidamente su lunghe distanze, il telefono è stato il primo dispositivo di comunicazione istantanea a farsi strada in un gran numero di case e aziende.

Alexander Graham Bell brevettò l'invenzione nel 1870, e nel giro di pochi decenni milioni di dispositivi erano in uso. I telefoni hanno consentito alle persone di connettersi con i vicini e, a un costo maggiore, amici e familiari in tutto il paese e in tutto il mondo. La tecnologia è gradualmente migliorata per consentire le chiamate senza assistenza dell'operatore e, infine, per consentire le chiamate interurbane e internazionali a chiamata diretta.

I telefoni fissi si sono gradualmente evoluti da modelli che collegavano l'utente semplicemente a un operatore che avrebbe effettuato una chiamata a telefoni rotanti, consentendo la composizione automatica, quindi a telefoni a toni, consentendo chiamate più veloci. Le segreterie telefoniche sono state sviluppate per registrare messaggi dai chiamanti quando i destinatari erano assenti o occupati. E i telefoni pubblici a pagamento sono spuntati per consentire alle persone di effettuare chiamate in movimento.

Anche i fax sono diventati comuni negli uffici, soprattutto a partire dagli anni '80. Ciò ha consentito l'uso di linee telefoniche per l'invio di copie di documenti in tempi relativamente brevi senza doverle spedire o inviarle tramite messenger privato.

Computer e Internet

Con la rapida evoluzione della tecnologia informatica dopo la seconda guerra mondiale, scienziati e ingegneri hanno compreso rapidamente l'importanza di collegare i computer su lunghe distanze per condividere informazioni.

Alla fine degli anni '60, i ricercatori avevano iniziato a creare gli inizi di Internet di oggi attraverso una rete sostenuta dal governo chiamata Arpanet, nominata per l'Agenzia per i progetti di ricerca avanzata dei dipartimenti della difesa. Quella rete collegava università, agenzie governative e società di comunicazione. Nel 1972, fu inviata la prima e-mail di Arpanet. In questo periodo sono stati sviluppati protocolli di rete, ovvero i sistemi che i computer usano per comunicare tra loro in modo elettronico.

Verso la fine degli anni '70 e '80, quando i computer di casa divennero in qualche modo comuni, i sistemi locali di bacheche si aprirono, consentendo agli utenti di computer di connettersi a un sistema spesso libero e hobbistico dove potevano scambiare messaggi, giocare e condividere in altro modo informazioni con altri utenti. La posta elettronica tra BBS era possibile ma lenta, poiché i sistemi dovevano effettivamente collegarsi l'un l'altro per passare i messaggi da una bacheca all'altra.

Anche i servizi commerciali nazionali nazionali, come CompuServe, Prodigy e America Online, sono comparsi negli anni '80 e sono cresciuti negli anni '90. I servizi erano lenti, costosi e dall'aspetto primitivo secondo gli standard odierni, ma consentivano agli utenti di tutti gli Stati Uniti di comunicare, leggere notizie, ottenere informazioni meteorologiche e altro dai loro computer di casa.

A metà degli anni '90, molti di questi servizi e nuovi fornitori di servizi Internet dial-in hanno consentito agli utenti di connettersi a Internet in rapida crescita, un discendente di Arpanet. Gli utenti potevano accedere a siti Web, inviare e-mail e messaggi istantanei e accedere ad altri servizi online, tra cui alcuni BBS che si erano trasferiti su Internet, di solito utilizzando modem dial-up lenti.

Quando le compagnie telefoniche e le società via cavo iniziarono a offrire connessioni più veloci alla fine degli anni '90, Internet iniziò ad essere più mainstream e più utile per cose come lo shopping e gli affari.

Telefoni cellulari

I primi telefoni portatili iniziarono ad apparire negli anni '70 e i telefoni per auto iniziarono a essere popolari negli anni '80, ma i dispositivi erano ancora grandi, goffi e costosi.

Alla fine degli anni '80, i telefoni cellulari portatili portatili erano disponibili e alla fine degli anni '90 i dispositivi erano mainstream. I cercapersone, che consentivano agli utenti di ricevere notifiche - e semplici messaggi - quando venivano chiamati, divennero popolari anche negli anni '90, sebbene richiedessero la disponibilità di un telefono pubblico o di un altro telefono fisso per rispondere a una chiamata.

I cercapersone hanno lasciato il posto a telefoni tascabili che, per la prima volta, consentono agli utenti di ricevere ed effettuare chiamate al di fuori delle loro case o attività commerciali. I primi piani offrivano tempi di chiamata limitati e capacità di roaming al di fuori di una rete domestica, ma quelle funzionalità si svilupparono rapidamente e i telefoni cellulari iniziarono a sostituire i telefoni fissi per alcuni utenti.

Anche i messaggi di testo sono cresciuti in popolarità nei primi anni 2000 e alcuni telefoni cellulari hanno consentito un accesso limitato a Internet e alla posta elettronica.

Smart Phone e social media

Nel 2007, il CEO di Apple Steve Jobs ha debuttato con successo sull'iPhone, il primo smartphone moderno. Il dispositivo ha consentito l'accesso completo al World Wide Web e alla posta elettronica, nonché alle tradizionali funzioni del telefono come chiamate e messaggi di testo. L'iPhone e la piattaforma rivale di Google, Android, hanno presto supportato le app di terze parti che avrebbero permesso agli utenti di fare qualsiasi cosa, dall'ordinare il cibo al controllo dei saldi bancari.

Allo stesso tempo, sono decollate società di social media come Facebook e Twitter, consentendo agli utenti di connettersi e condividere informazioni online senza richiedere le competenze IT necessarie per costruire un sito Web tradizionale. Con l'aumentare della popolarità degli smartphone, sono diventati hub naturali per i social network e questi due progressi tecnologici nella comunicazione sono cresciuti di pari passo.

Sono apparsi nuovi tipi di social media basati sul telefono, inclusi Instagram e Snapchat, così come gli strumenti di messaggistica focalizzati sugli smart phone come WhatsApp e Telegram. Molti di questi strumenti hanno sfruttato le videocamere sempre più potenti integrate nei moderni smartphone.